Perde il controllo degli sci, morto a 31 anni sulla pista del Sestriere

Tragedia in punta al Fraiteve: l’uomo avrebbe battuto la testa contro un paravento

Sulla sinistra la zona della Cresta dove è morto lo sciatore


Pubblicato il 20/01/2018
Ultima modifica il 21/01/2018 alle ore 09:48
sestriere

Tragedia in punta al Fraiteve: Giovanni Bonaventura, di 31 anni, originario della Sicilia, è morto sulle piste Sauze e Sestriere, dove il collegamento della «Cresta» sfocia nella 27. Dalle prime ricostruzioni lo sciatore sembrerebbe aver perso il controllo e sbattuto contro un paravento, morendo sul colpo per un trauma cranico e facciale. 

 

Non ci sono altre persone coinvolte. Sono intervenuti i carabinieri e il pm Quaglino ha disposto la rimozione del cadavere. Nella tarda mattinata, quando è successo l’incidente, le condizioni di visibilità erano buone. Ha iniziato a nevicare solo verso le 14.  

 

La pista sulla quale si è verificato l’incidete mortale «è sicura: regolarmente palinata e con i cartelli che consigliano di rallentare» dice Giovanni Brasso, presidente della Sestrieres spa, la società che gestisce gli impianti del comprensorio sciistico della ViaLattea. «Quella non è una pista particolarmente difficile. Nei giorni scorsi avevamo deciso di chiuderla per il forte vento, ma oggi l’abbiamo riaperta. Non c’erano problemi di visibilità, non c’era la nebbia. Purtroppo - conclude Brasso - gli incidenti capitano. Noi vendiamo divertimento, queste disgrazie non dovrebbero succedere».  

Torinosette ti porta al Palazzetto

home

home