Brignone è supergigante, vittoria spettacolare a Bad Kleinkirchheim

L’azzurra ha battuto Gut e Huetter, conquistando il 21° podio in carriera e diventando così la terza italiana più vincente di sempre in Coppa del Mondo.
AP


Pubblicato il 13/01/2018
Ultima modifica il 15/01/2018 alle ore 11:52
aosta

Federica Brignone gigante anzi, supergigante. L’azzurra ha vinto a Bad Kleinkirchheim il superG di Coppa del Mondo. Su una pista difficile, con neve tratta con l’acqua, la valdostana è riuscita a imporre tutta la sua tecnicità che vale il secondo successo stagionale e il secondo nella disciplina, dopo Soldeu 2016. Brignone sale così a 21 podi in carriera, diventando la terza italiana più vincente di sempre in Coppa del Mondo dopo Deborah Compagnoni e Isolde Kostner. 

 

Ha pagato centesimi nel tratto più facile, ma dove c’erano da stringere le linee e fare curve a tutta velocità, è stata impeccabile. Meglio anche dell’elvetica Lara Gut che sembrava avere in pugno la vittoria. Lo spunto vincente è pero arrivato solo nelle ultime due porte, dove Brignone ha recuperato quel leggero ritardo nei confronti dell’elvetica, che alla penultima porta si era agganciata con il braccio perdendo il bastone.  

 

Brignone alla vigilia era sicura di poter fare bene, anche per via della sua condizione fisica, definita buona. L’incognita poteva essere rappresentata dalla neve e dal tracciato. Sul secondo gradino del podio è salita l’elvetica Lara Gut, staccata di 18/100, con terzo posto per l’austriaca Cornelia Huetter, a 46/100. 

 

«Era una pista tosta da lasciare andare, perché oggi lo sci sbatteva e non bisogna mai metterlo di traverso - ha detto -. Sono stata brava, nonostante qualche errorino nella parte alta».  

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno