La generosità di Simone commuove i canavesani: “Ambulanza in prestito alla Bassa Valle Scrivia”

Dopo l’articolo sull’incendio che ha messo fuori uso l’unico mezzo di soccorso e sul dono del salvadanaio da parte del bimbo, la Cri di Rivarolo ha deciso di aiutare Castelnuovo

Simone Mercurio, 5 anni, ha messo a disposizione della sottoscrizione aperta in Bassa Valle Scrivia tutti i soldi del suo salvadanaio


Pubblicato il 11/01/2018
CASTELNUOVO SCRIVIA

Oggi, a Castelnuovo Scrivia, arrivano i rinforzi. E, guardando in prospettiva, nel pomeriggio si faranno in pratica le «prove generali» di quella che - ci si augura - al più presto sarà la giornata dell’inaugurazione della nuova ambulanza della Croce rossa della Bassa Valle Scrivia. Dove? Nel cortile della sede di via Lamarmora 2, ovviamente. Prima di tagliare quel traguardo, però, sarà necessario imboccare l’autostrada e andare a ritirare un regalo tanto inaspettato quanto spontaneo.  

 

Dopo il piccolo grande gesto di Simone Mercurio, il bambino di 5 anni che ha donato il suo salvadanaio per questa causa, un’altra bella azione arriva da Rivarolo Canavese. È stato Davide Doglio, presidente del Comitato locale della Croce rossa di questa cittadina della provincia di Torino ad alzare il telefono e a mettersi in contatto con «gli angeli del soccorso» dell’Alessandrino: «Ci ha chiamati dicendoci che aveva letto l’articolo su La Stampa - spiega Patrizia Mauri, presidente del Comitato locale Cri di Tortona - e ci ha detto che, dopo essersi confrontato con i suoi volontari, la Croce rossa di quella fetta di Canavese ha deciso di portare un aiuto concreto in questo momento di difficoltà a persone che si dedicano semplicemente ad altre persone. Io e la responsabile di area della Bassa Valle Scrivia Laura Solari siamo rimaste senza parole: siamo emozionate e ringraziamo, a nome della Croce rossa e della comunità che assistiamo, Davide Doglio e la sua squadra».  

 

Il cognome Mercurio è particolarmente caro al presidente della Cri di Rivarolo Canavese, perché è lo stesso di un loro volontario mancato qualche tempo fa e a cui hanno dedicato una nuova ambulanza. Coincidenze tristi, ma anche ricche di energia, che avvicinano persone che non si conoscono. «Mi piace pensare che sia tutto merito della forza della bontà - aggiunge Laura Solari -: da un atto fatto col cuore e con l’innocenza di un bambino ne è scaturito a catena un altro, nato con lo stesso spirito di quello di Simone». 

 

LA STORIA Il bambino dona il suo salvadanaio per la Croce rossa  

 

ll mezzo torinese verrà dato in prestito fino a quando la sottoscrizione avviata in paese e nei Comuni ad oggi serviti da una sola ambulanza (inutilizzabile dal 28 dicembre a causa di un guasto elettrico) non raggiungerà la quota per poterla riacquistare. Sono mobilitati tutti: sindaci e istituzioni, ma anche attività commerciali private che si sono rese disponibili ad accogliere un contenitore della Croce rossa, dove è possibile imbucare la propria offerta. 

 

È anche possibile versare, tramite bonifico, un contributo volontario intestato a Ubi Banca - Tortona piazza Duomo. L’Iban da utilizzare per la donazione è: IT 95 M 03111486700 000 00010894, precisando nella causale «Acquisizione Ambulanza Bassa Valle Scrivia». Il bacino d’utenza che usufruisce dell’ambulanza in questa zona è di circa 15.000 persone: se ognuno desse il proprio piccolo apporto, pensando che l’avrà fatto per la propria salute, si potrebbe rinnovare e forse incrementare lo scarno parco auto della Croce rossa tortonese. 

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno