Autovelox, supera limite di 1,3 km/h: per la Cassazione la multa è legittima


Pubblicato il 24/10/2017
Ultima modifica il 24/10/2017 alle ore 05:40

La multa per eccesso di velocità rilevata con l’autovelox è legittima, e deve essere pagata, anche se il limite è stato superato - tenuto conto delle soglie di tolleranza - di 1,3 km/h. Lo ha stabilito la sesta sezione civile della Cassazione nel confermare la decisione presa nel 2016 da un giudice di pace di Torino. 

 

Nel 2013 una società venne multata dalla prefettura perché una delle sue auto era stata immortalata mentre percorreva una strada del capoluogo piemontese a 76,3 km/h a fronte di un limite di 70. Il margine di tolleranza previsto per legge è di 5 km/h, che in questo caso, dunque, era stato oltrepassato di 1,3 km/h. La società ha sostenuto che lo scarto non poteva essere rilevato dal conducente: i magistrati hanno affermato che 6,3 km/h sono «percepibili» e non riconducibili a una accelerazione involontaria. 

La sanzione, tenuto conto delle spese, è di 73,44 euro. 

 

home

home

In collaborazione con
I contenuti sono curati e redatti da Giuffrè Editore
» Giuffrè Editore: chi siamo
La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno