La Corte Ue bacchetta l’Italia: stop agli Ogm solo con “accertati rischi di salute”. Si riapre il dibattito

La sentenza riguarda il caso dell’agricoltore Giorgio Fidenato
ANSA

L’invasione degli attivisti no global in un campo Ogm in Friuli


Pubblicato il 13/09/2017
Ultima modifica il 13/09/2017 alle ore 16:33

Secondo il diritto Ue, qualora non sia accertato che un prodotto geneticamente modificato possa comportare un grave rischio per la salute umana, degli animali o per l’ambiente, né la Commissione né gli Stati membri hanno la facoltà di adottare misure di emergenza quali il divieto della coltivazione, come fatto dall’Italia nel 2013. È quanto indicato dalla Corte di giustizia europea in una sentenza emessa oggi.  

 

La sentenza della Corte riguarda il caso di Giorgio Fidenato, agricoltore penalmente perseguito nel nostro paese perché nel 2014 piantò mais ogm autorizzato dall’Ue nonostante un decreto interministeriale del 2013 ne vietasse la coltivazione. 

 

Quel decreto, afferma in sostanza la Corte, non era legittimo perché il `principio di precauzione´ deve basarsi sulla certezza dell’esistenza del rischio, altrimenti non permette di eludere o di modificare le disposizioni previste per gli alimenti geneticamente modificati, già oggetto di una valutazione scientifica completa prima di essere immessi in commercio. Con una direttiva approvata nel 2015, i paesi membri possono vietare la semina di Ogm anche se autorizzati a livello Ue. L’Italia è tra i 17 Stati membri che hanno scelto questa possibilità.  

 

«La decisione della Corte del Lussemburgo sull’atto di disobbedienza civile di Fidenato, iscritto Associaizone Luca Coscioni - e dei Taboga», ha affermato l’Associazione Luca Coscioni in una nota «solleva l’enorme problema politico generale della necessità di porre al centro delle decisioni normative e politiche le evidenze scientifiche».  

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno