Aumenta l’export italiano, +8% in sei mesi. La Sardegna vola a + 47%

Ottima performance delle regioni insulari. Segue il nord Italia con un incremento del 9,1%


Pubblicato il 13/09/2017
Ultima modifica il 13/09/2017 alle ore 17:00

Aumentano le esportazioni dall’Italia, con un incremento medio regionale dell’8% rispetto ai primi sei mesi del 2016. In testa alla classifica le isole, che insieme raggiungono +36%, con un boom della Sardegna (+47,5%). 

 

È quanto emerge dal rapporto nazionale sull’export rilasciato dall’Istat, che rileva «dinamiche di crescita intense e diffuse» tra gennaio e giugno 2017. Dopo le regioni insulari è il nord a contare l’aumento più consistente, che tocca complessivamente il +9,1% nei tre mesi considerati.  

 

La geografia degli aumenti  

Piemonte e Lombardia tra le regioni che aumentano maggiormente l’export sia verso i paesi Ue che verso il mercato extra Unione. Il Piemonte registra infatti un aumento del 92% nei primi sei mesi del 2017, rispetto allo stesso periodo nell’anno precedente, nelle esportazioni verso la Cina, mentre la Lombardia aumenta quasi del 16% in direzione degli Stati Uniti. 

 

 

Bilancio negativo invece per alcune regioni meridionali. Il Molise vede una diminuzione del 39,8% e la Basilicata del 10%, mentre l’unica regione del nord Italia con il segno meno è il Friuli Venezia-Giulia, dove la diminuzione è però impercettibile (-1%). 

 

I settori  

Tra i settori trainanti arriva primo quello automobilistico, che dal Lazio raggiunge un aumento del 226,9%. Friuli-Venezia Giulia e Basilicata registrano invece una decrescita nell’export dei mezzi di trasporto (escluse le automobili). Boom di esportazione anche per i prodotti petroliferi raffinati, in particolare da Sicilia (+43,9%) e Sardegna (+49,7%). La Lombardia arriva invece prima per l’esportazione di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici. 

 

Le reazioni  

La notizia arriva proprio nel giorno in cui il ministero dello Sviluppo economico e Unioncamere hanno siglato un protocollo d’intesa per muovere un altro passo verso la riorganizzazione del sistema pubblico a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese.  

 

«I dati Istat sulla forte crescita delle esportazioni sono un’altra conferma che l’Italia si è rimessa in moto. Chi fa finta di pensare che tutto ciò sia solo frutto del caso sta progressivamente perdendo i suoi argomenti» ha detto Ernesto Carbone, responsabile dello Sviluppo economico del Pd. « Occorre andare avanti e affrontare i punti critici, ma il percorso è quello giusto con buona pace dei soliti profeti di sventura».  

 

Il presidente di Confindustria Sardegna, Alberto Scanu, commenta però con scetticismo il risultato della Sardegna: «L’aumento delle esportazioni di prodotti petroliferi raffinati si deve per il 90% a un’unica azienda del territorio che sta affrontando un periodo positivo, cosa di cui dobbiamo essere soddisfatti. Ora ci aspettiamo i risultati degli investimenti delle aziende isolane sulla digitalizzazione e sull’industria 4.0». 

 

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno